Archivi mensili:Ottobre 2017

lineabio360-polo

Giocare a polo e Ringana Sport

Oggi sono stata a pranzo nel mio ristorante preferito, Flora in Stradone Scipione Maffei a Verona dietro Piazza Brà. Un posto incantevole, l’energia rilassante e positiva si percepisce subito appena si entra con questi muri colorati di verde dove regna la natura e la freschezza e il senso olfattivo e visivo viene subito catturato dalla prelibatezza dei cibi che ogni giorno vengono cucinati. La particolarità che contraddistingue questo posto incantevole è la freschezza e il cibo sano.

flora-la-sala-lineabio360Parlo sempre con il proprietario, il signor Luciano, il creatore e proprietario di Flora, una persona disponibile e ricco di ogni aneddoto della sua vita. Lui era uno skipper, un imprenditore e un giocatore di polo. Uno sport a me sconosciuto, ho sentito tanto parlare di questo sport ma non ho mai toccato con mano e visto giocare i cavalieri.
La squadra si compone di 4 giocatori per ogni team e ogni giocatore possiede 4 cavalli. E’ un gioco molto pericoloso perchè i cavalli corrono a 50 km/h, è uno sport di contatto e ci vuole la massima concentrazione, abilità e fermezza nel prendere decisioni ed essere uno stratega per lanciare la palla, seguire il compagno, affiancare l’avversario, rubargli la palla e andare alla porta per fare punto.
A parole può essere semplice e intuitivo ma la preparazione prima della partita e post partita deve essere assolutamente equilibrato tra esercizi fisici per mantenersi in forma, alimentazione e assunzione di vitamine e antiossidanti per non stressare il fisico.

Ringana Sport aiuta il polo

Prodotti per un apporto rapido di energia migliorando la performanceLuciano ha appeso le scarpette al chiodo, anzi la stecca alla parete del ristorante. Sì, puoi ammirare le palle, le stecche e i frustini nel corridoio subito dopo la porta in vetri. Ho consigliato a Luciano, quando ritornerà a giocare, di usare le Caps Push e il Boost per allenarsi e da utilizzare durante la partita perchè il nostro organismo ha bisogno di antiossidanti e sostanze vitali che danno carica e energia. Durante la partita si generano moltissimi radicali liberi e per contrastarli è essenziale l’azione antiossidante. Questa proviene da pycnogenol, hytolive, exgrape, estratto di melone, magnesio citrato, l-carnitina tartarto, nicotinamidadenin (NADH), caffeina verde, peak atp e potassio.
Per il recupero post partita, invece, ho consigliato il Pack Boost. Un integratore alimentare contenente carboidrati, elettroliti, creatina e aminoacidi ramificati (BCAA), acqua di noce di cocco, succo di limone e ananas per una bevanda isotonica ristabilendo i sali minerali persi durante la fatica e consentire la rigenerazione evitando problemi muscolari.
Dopo essermi accorta che stavo parlando con Luciano per un’ora di questo splendido sport e avendo solo 10 minuti per andare a prendere mia figlia a scuola ho chiesto la merenda con un favoloso estratto di sedano, arancia, kiwi, zenzero e sono uscita da questo splendido paradiso con un’idea per scrivere il mio articolo.
polo-lineabio360Certe affinità non hanno una logica,
in un attimo si crea un ponte
fra due persone e senza farsi domande
ci si ritrova a percorrere insieme
il viale dell’amicizia…
Ma accade solo con persone speciali.                Grazie Luciano!
lineabio360-malattie-autoimmuni

Malattie autoimmuni: come prevenirle con la corretta alimentazione

E’ difficile ammetterlo e a volte fa male vedere se stessi o i propri cari riscontrare nella loro vita le famigerate autoimmunità. Ma perchè tutto accade? C’è la possibilità di difendersi da queste?

lineabio360-autoimmuni-malattieCosa sono le malattie autoimmuni

Premetto che non sono una dottoressa, ma in famiglia ho una persona carissima affetta da artrite reumatoide, scoppiata quando aveva solo 43 anni. Ho accompagnato mia madre nelle varie visite, sono stata presente nei congressi in cui veniva spiegata la malattia e ho visto situazioni molto più gravi. E mi sono sempre chiesta se c’era una pillola per guarire e se si potrebbe prevenire queste patologia.
Molti ricercatori non si spiegano le cause scatenanti e, purtroppo sono state individuate più di 80 tipi diversi di malattie autoimmuni. Le più comuni sono l’artrite reumatoide, la sclerosi multipla, il lupus eritematoso sistemico e la sclerodermia.
Le malattie autoimmuni sono un’alterazione del sistema immunitario. Le cellule ad un certo punto impazziscono e il sistema immunitario aggredisce non solo i virus e i batteri ma anche le cellule sane che sono quelle che forniscono protezione.

alimentazione-sanaRimedi per le malattie autoimmuni

Una volta riscontrata la malattia è quasi impossibile guarire, ma si possono fare trattamenti con terapie sintomatiche per ridurre la sintomatologia in atto. Inoltre si possono alleviare i dolori e rendere la malattia meno difficile alla mente e al corpo della persona.
Alimentazione sana e tempo per sè stessi. Collaboro per lavoro con moltissimi naturopati i quali sostengono che a fronte di un eccessivo stress, il sistema immunitario impazzisce per poi sviluppare la malattia. Altre cause possono essere alcune infezioni batteriche o virali, l’assunzione di determinati farmaci, il contatto con particolari irritanti chimici e l’esposizione continua ad alcuni irritanti chimici. Con una corretta alimentazione si possono alleviare i dolori e ritornare a fare quasi tutte le attività. Dipende sempre da quanto è grave la situazione.
Si deve eliminare completamente glutine, latticini e zucchero. Praticamente tutto.
All’inizio mia madre era scettica e mi diceva che sono matta a costringerla una dieta così drastica ma le ho detto di fidarsi di me e fare tentativi per stare meglio.
E’ stata dura, ma il suo corpo l’ha ringraziata. Ha provato per un mese a mangiare senza glutine, latticini e zucchero e le infiammazioni alle articolazioni si sono bloccate.

Cibi ideali per contrastare le malattie autoimmuni

Frutta e verdura a volontà, iniziando con un estratto fresco con dentro zenzero, curcuma, sedano, carota, cavolo nero, zucchina, melagrana, mela, pera, limone, uva con frutta e verdura di stagione. Si pranza con un piatto di proteine vegetali o animali oppure un uovo e si termina la cena con cereali che accompagnano il corpo ad un migliore sonno notturno. Quindi sì a orzo, farro, quinoa, miglio, polenta di mais, sorgo, grano saraceno.
ringana-packs-lineabio360A volte però la sola alimentazione non ci fornisce tutte le sostanze nutritive per aumentare le difese immunitarie, contrastare i radicali liberi e avere la giusta dose di calcio, magnesio, zinco, potassio, rame, manganese. E’ importante assumere quindi degli integratori. Il Pack Antiox, il Pack Balancing e il Pack Cleansing forniscono tutte le sostanze nutritive necessarie per fare il giusto rifornimento giornaliero.
L’Antiox contiene bacche antiossidanti, melagrana, estratto di curcuma, l’acerola e altri principi attivi per attivare il sistema immunitario. Lo sapevi che la ciliegia selvatica, l’acerola, contiene 17.000mg di Vitamina C rispetto al peperone che ha 242mg o all’arancia con 50mg per 100g di prodotto. Non lo trovi fantastico?
Il Balancing è il nostro piatto di verdura quotidiano per ripristinare l’equilibrio acido-basico. Contiene verdure alcalinizzanti, alghe ed estratti di erbe officinali per un effetto purificante, drenante e per compattare tessuti e cute.
Il Cleansing è un mix di frutta e fibre presenti in più parti del mondo per avere un intestino pulito e ben funzionante, per evacuare correttamente le sostanze nocive e per supportare il metabolismo in generale.
Assumere tutti e tre i packs per due volte all’anno si previene, si integra e si aiuta l’organismo a stare meglio. Il benessere parte da dentro.lineabio360-ABC
La vita è fatta di scelte, davanti a noi troviamo molte strade. Quella tortuosa, piena di sassolini è sempre la più lunga e faticosa da superare. Quella liscia e soleggiante sembra irraggiungibile e lungimirante ma è quella più adatta noi. Scegli di vivere bene e il tuo corpo ti ringrazierà.
ecosostenibile-lineabio360

Quanto sei ecosostenibile? La politica di Ringana

Domani è la giornata contro l’incenerimento dei rifiuti promossa da Gaia, Global Alliance Incenerator Alternatives. Questo ente promuove e adotta la strategia dei rifiuti zero. Quindi lo smaltimento dei rifiuti deve avvenire tramite riduzione, riutilizzo, riciclaggio e compostaggio e non sull’incenerimento e lo smaltimento in discarica. Si parla sempre più di effetto serra e, purtroppo, bruciare i rifiuti sono un vero inquinamento tossico per noi che lo respiriamo e per l’ambiente in cui viviamo.

Come produrre a rifiuti zero. Ringana c’è e può!

Ho conosciuto Ringana 4 anni fa e mi sono innamorata per la sua filosofia della sostenibilità. Zero rifiuti. Sì. Dalla produzione all’imballaggio,  allo smaltimento i rifiuti sono pari a zero. Tutto viene riciclato e tutto ciò che si raccoglie in natura per produrre la cosmesi fresca biologica e superfood vegetali vengono poi restituiti alla madre Terra.
Ringana si sviluppa e cresce in un vecchio supermercato abbandonato con una costruzione sostenibile in ogni piccolo dettaglio, l’energia è ricavata da pannelli fotovoltaici a freddo che risparmiano 5 milioni di acqua fresca all’anno, emissione Co2 zero in aria e in acqua per la produzione dei cosmetici, filler idrosolubili per gli imballaggi e, in una settimana, vengono prodotti due bidoni si spazzatura. Incredibile, vero? In che maniera? Secondo le regole del re-duce, riduzione dei rifiuti, il re-use per il riutilizzo dei flaconcini di vetro e il re-cycle perchè i barattoli di vetro di cosmesi vengono spediti dal cliente alla sede austriaca per poter essere utilizzati dopo la sterilizzazione.
L’azienda produce 3.000 pacchetti ogni giorno che vengono spediti nelle case europee senza danneggiare l’ambiente e aiutandolo nelle scelte d’acquisto che fa ognuno di noi.

L’imballaggio intelligente

imballaggio-lineabio360Ogni singolo prodotto di cosmesi viene avvolto in salviettine di cotone biologico al 100% che possono essere utilizzate come salviette per il bagno ma anche per una coccola al tuo viso. Basta bagnare con acqua calda la salvietta, mettere qualche goccia di lavanda e appoggiarla sul viso. Dieci minuti di relax, un vero toccasana per la nostra pelle e la nostra mente.
Ringana ha un campo dove produce mais, crea filler per essere messi all’interno della scatola con i prodotti che vengono spediti. Queste chips servono perché il prodotto arrivi integro nella tua casa e non sbatta a destra e sinistra durante il trasporto. Poi le palline di mais le puoi utilizzare. Le sciogli dentro all’annaffiatoio con ‘acqua e dai da bere alle tue piante. Il composto è ricchissimo di sostanze nutritive naturali per la salute delle tue piante.
Inoltre tutto il materiale di stampa è riciclato.

Ringana non si ferma qui…

Lineabio360-RinganaLa plastica che utilizza Ringana è di ultima generazione, 4 biotò che ha un enorme pregio, durante la bruciatura non emette diossina e non inquina l’ambiente. E’ a dir poco fantastica. Ringana però ha voluto evolversi e non fermarsi. La cosmesi fresca da gennaio 2018 farà un ulteriore progresso, tutti i prodotti saranno contenuti in una plastica bio. Contenitori prodotti dalla canna da zucchero proveniente dal Sud del Brasile, 100% da fonte rinnovabile e 100% riciclabile. Inoltre il processo di produzione permetterà di ridurre l’impronta del carbonio.
Una vera rivoluzione nel campo dell’imballaggio della cosmesi, unica azienda al mondo con un packaging così innovativo e così green.

premio-ringana-lineabio360

Premi e riconoscimenti di Ringana

In questi ultimi 21 anni Ringana ha ottenuto numerosi riconoscimenti. Nel 2015 vince il premio per la protezione dell’ambiente, il Klimaschutzpreis. Da novembre 2016 fa parte dell’Alleanza globale per il clima, un’associazione mondiale il cui scopo è tutelare il clima. E’ stata nominata per l’Energy Globe Award, il premio per l’ambiente più rinomato al mondo che viene conferito ogni anno a progetti eccezionali e sostenibili che vertono sull’uso parsimonioso delle risorse, sull’efficienza energetica e l’impiego di energie rinnovabili.

Con i nostri prodotti contribuiamo affinché la vita sia bella e sana in un pianeta verde. Sostieni anche tu il progetto verde e vieni a farne parte.

Scrivimi a info@lineabio360.it e ti farò conoscere un mondo ecosostenibile e rispettoso dell’ambiente.
Lineabio360-Convention

L’importanza di partecipare ad una Convention: le ultime novità

Ogni anno frequento le formazioni che organizza Ringana e dentro di me penso sempre che sia un’azienda già perfetta così com’è. Invece ogni volta che trascorro due giornate in una città austriaca e partecipo ad una formazione, rimango esterrefatta e sorpresa dalle innovazioni e progressioni che ogni volta Ringana mette in campo. Noi italiani abbiamo la traduzione simultanea. Nonostante il mio studio di 5 anni di tedesco a scuola, non riesco ad ascoltare e trascrivere gli appunti.

Torno a casa da una formazione e l’energia e la voglia di mettere in pratica le nuove conoscenze mi fanno scalare le montagne, mi danno grinta, audacia e capisco quanto sia così fondamentale formarsi e studiare.

 Ringana-conventionConvention a Salisburgo

Alle 7 ero già in auto con due colleghe. Chiudere la porta di casa e dire ‘bye-bye’ alla famiglia per tre giorni è fantastico. Un po’ di tempo per me, relax senza la routine giornaliera, stare con le colleghe, condividere il viaggio insieme a loro e la stanza dell’hotel è qualcosa di subliminale, come un delizioso dolce al cioccolato.
Durante il viaggio penso alle aspettative di questa formazione. So già che gli interventi saranno interessanti con trainer d’eccezione e dirigenti dell’azienda, ci sarà Uwe a parlare delle nuove formulazioni degli ingredienti, un super coaching di persone famose, e le ultime news e presentazioni di nuovo prodotti. Ma quali? I prodotti sono già così unici, cosa potrebbe aver cambiato il fondatore Andreas?

Un’azienda solida, sicura e con una qualità elevata

Ringana è sempre più innovativa, continua a crescere (+50%) con sempre più maggiore cura dei dettagli, più sostenibilità, solidarietà ed etica.
Le cifre e numeri sulla crescita e sulla produzione sono sorprendenti. Crescita +50% e fatturato 40 milioni. Ora siamo 26.000 partners in Europa e nel 2020 saremo in 100.000.

Ultime novità

E’ stato ampliato lo stabilimento aziendale con un investimento di 6 milioni per avere 1 km di nastri trasportatori, 13mt altezza scaffali e in meno di 15 minuti un ordine viene elaborato e spedito.

Lineabio360-RinganaUn nuovo design e packaging per la linea cosmesi!

E’ stato ideato un contenitore prodotto dalla canna da zucchero, una bio plastica proveniente del Sud del Brasile, 100% da fonte rinnovabile e 100% riciclabile … in più con un processo di produzione che permette di ridurre l’impronta del carbonio! SO GREEN! 
E’ l’unica azienda al mondo con brevetto registrato per un packaging all’avanguardia e sostenibile al 100% 

Dopo essermi ripresa da queste bellissime novità e avere la voglia di contagiare chiunque si avvicini a me, ho pensato come poterle raccontare alle persone e ho trovato nella mia scrittura e nel mio blog il canale per diffonderle perchè faccio parte di questo grande progetto e desidero portarlo nella mia città natale, in tutta Italia ma anche all’estero.

Ringana-lavora-con-meVuoi farne parte anche tu? Chiedimi informazioni, compila il form e unisciti a me per creare una nuova opportunità di lavoro per una visione verde insieme al Network Marketing, una combinazione geniale ed etica del lavoro del futuro.

Il Business viaggia veloce. Vietato fermarsi.
Cambiare e innovare è un must!

Cristina Furlani

lineabio360-network

Il NM e il web: come usarlo e come non usarlo

Fare un piano marketing per un lavoro di network marketing… serve davvero? Non conoscendo questo mondo, lo dico sinceramente, me lo sono chiesta pure io all’inizio. Ma il network marketing paga purtroppo il dazio di una gestione raffazzonata e poco organizzata di molti lavoratori del settore.

network-marketing-lineabio360Perché il network marketing è sottovalutato?

Quante volte ci invitano ad una serata Tupperware e alziamo gli occhi al cielo? A me è successo l’altro giorno. So di default che non ci andrò, ma mi sento ugualmente infastidita. È un chiaro esempio di saturazione del mercato. Migliaia di prodotti uguali, venduti in serate tutte uguali, spacciate per occasioni uniche. Accade per i contenitori di plastica e per elisir all’Aloe, per materassi e rossetti.

Ma il network marketing non è solo questo. Non è solo il secondo lavoro dell’amica, non è solo un improvvisarsi venditore stalkerando i tuoi amici, veri e virtuali. Il network marketing, quello fatto bene, necessita studio, preparazione, voglia di mettersi in gioco, tempo e investimenti.

Ti avevano detto che potevi farlo quando volevi nei ritagli di tempo? Che lo possono fare tutti? Che non devi metterci soldi? Ti hanno preso in giro! E lo dico senza tanti giri di parole.

Sì, puoi gestire il tuo tempo come credi e può essere un secondo lavoro. Sì, è un lavoro che possono fare in molti, ma devi avere una buona parlantina, devi studiare i prodotti, studiare la concorrenza…

E gli investimenti? Qui arriva il bello. Il bello del network marketing che funziona davvero, non quello che accade a chi non si mette in gioco. Perché qua sorge un altro problema. La cattiva fama del network marketing deriva anche da qui: chi sta al vertice guadagna sulle proprie vendite e su quelle di chi “assolda” nel suo percorso. Solitamente chi sta alla base della piramide guadagna meno rispetto a quanto spende e in pochi mesi rinuncia. Ti risuona, vero? È in quel momento che si vede la differenza tra chi ha sottovalutato questo lavoro e chi invece lo ha preso sul serio.

social-networkPerché il web può fare la differenza e quando invece… non la fa

Benissimo, hai fatto corsi su corsi, sei andato alle convention e ti hanno insegnato i metodi di vendita e sei gasatissimo. Guadagni discretamente e ti piacerebbe continuare. Perfetto. Il web può essere un valido alleato.

Attenzione però, non si tratta di mettere un post ogni tanto sul tuo profilo Facebook o di costruire una pagina senza criterio o di postare qualche foto e qualche video. Se vuoi che il web faccia la differenza devi fare qualcosa di più.

  1. Serve un piano di web marketing su misura.
  2. Serve una pagina Facebook, Instagram, Linkedin… scegliendo il social giusto a seconda della tua attività
  3. Forse ti serve anche un sito, o anche solo un blog, per costruire il tuo brand e aumentare la tua autorevolezza in materia, rispondendo alle domande degli utenti e dei possibili clienti, fornendo risposte e soluzioni
  4. È necessario un piano editoriale dei post del blog e per i social
  5. Se non puoi pagare un consulente, devi certamente formarti per avere un minimo di conoscenza di marketing e web marketing.

Non basta aprire un sito?

In fondo oggi con pochi euro e qualche testo si fa… lo hai pensato? No, non è sufficiente improvvisarsi sviluppatori per creare un sito performante, che non sia solo autoreferenziale, ma che funzioni davvero. Occorre sapere come funziona il web, cosa chiedono gli utenti, come funziona Google…

lineabio360-social-mediaNon basta avere una pagina/profilo?

Di nuovo no. I social per le aziende e i professionisti sono cosa ben diversa rispetto al tuo profilo Instagram. E non sono gratis.

Ma serve davvero?

È sicuramente uno strumento importante e molto molto utile per raggiungere persone che altrimenti non avresti mai raggiunto, per risvegliare una necessità che forse non avevano e che tu hai creato, per risvegliare la curiosità, per agganciare nuovi lead e trovare nuovi clienti o partners.

È semplice?

A volte. Se non hai familiarità con lo strumento passano giorni in cui inizi a dubitare di te. Ma poi entri nell’ottica, inizi a fare amicizia con Google, scrivere l’articolo del blog diventa più facile, i social non hanno più segreti, i numeri iniziano a salire e poi via, le cose iniziano ad avere un movimento più vivace.

creatività-networkA quel punto non dovrai più fare niente?

Sbagliato. Restare aggiornato, formarti, usare il web per studiare la concorrenza, vicina e lontana, trovare nuovi modi per comunicare i tuoi prodotti o servizi, usare quel pizzico di creatività che ti faccia spiccare tra milioni di messaggi tutti uguali, almeno nella tua nicchia, quello lo dovrai fare sempre.

Il web non è facile. E non è neppure gratis. Per questo avventurarsi nella rete con il tuo network marketing può essere la tua carta vincente o solo una perdita di tempo. Devi porti una domanda fondamentale: qual è il tuo obiettivo?

 

it Italian
X