Allergie, come affrontarle con un fungo che viene da lontano

fungo cordyceps contro allergia

Allergie, come affrontarle con un fungo che viene da lontano

Marzo… lo so, tanti pronti con i fazzoletti in mano. Perché con la primavera, il tepore e i primi fiori arriva inesorabile anche l’allergia. Starnuti, occhi rossi, asma, eritemi… ognuno la sua forma. Per non parlare poi dell’aumento vertiginoso che hanno avuto le allergie negli ultimi decenni a causa dell’inquinamento, dei pesticidi, dello stress e di tanti altri fattori collegati alla nostra vita quotidiana.

Ma esiste un modo per contrastare le forme allergiche? Per capirlo dobbiamo partire dal principio.

Cos’è l’allergia?

Il Ministero della Salute definisce l’allergia come una reazione immunitaria eccessiva che avviene al contatto con una sostanza che l’organismo riconosce come estranea e potenzialmente dannosa. Tale reazione si esprime al primo contatto attraverso la formazione di anticorpi specifici chiamati IgE o immunoglobuline.

La reazione è la medesima che l’organismo manifesta nei confronti di batteri e virus. In occasione di una eventuale e successiva esposizione, a seguito della reazione fra la sostanza ”allergenica” e l’anticorpo, si libera una sostanza, l’istamina, che è la principale responsabile dei sintomi caratteristici di tutte le reazioni allergiche.

L’allergia è la più comune malattia immunitaria, caratterizzata da una reazione infiammatoria verso agenti innocui presenti nell’ambiente esterno. Si va dai componenti dell’aria inspirata (pollini, muffe, polveri dell’ambiente domestico o lavorativo) a componenti del cibo, dei farmaci o del veleno di insetti pungitori.(…) Le patologie infiammatorie allergiche determinano un importante impatto sulla qualità della vita dei pazienti e rilevanti costi sanitari: recenti studi epidemiologici condotti in Italia indicano che il 25% della popolazione compresa tra i 18 ed 44 anni soffre di rinite allergica e il 5% soffre di asma.
[fonte: Ministero della Salute]

allergia primavera cure

A nessuno piace godersi il primo sole continuando a starnutire, o con il puff sempre a portata di mano, e la primavera è il momento in cui queste reazioni si fanno più frequenti e potenti e le difese immunitarie si abbassano. E quindi che si fa?

Il Cordyceps, il fungo amico degli allergici

Una vita frenetica, stress, il cambio di stagione, sostanze dannose nell’aria e nel cibo sono all’origine di buona parte delle reazioni allergiche. Un buon apporto di vitamine e minerali, un’alimentazione sana, varia e di stagione aiutano a mantenere il sistema immunitario efficiente.

Un ruolo incredibile, secondo gli ultimi studi, lo svolgono particolari funghi asiatici utilizzati nella medicina tradizionale cinese da centinaia di anni. Di alcuni avrai sentito parlare, come lo shitake o il ganoderma. Io oggi ti voglio parlare del Cordyceps. Anzi, te lo faccio raccontare dal dr Ardigò, medico psichiatra, omeopata, agopuntore ed esperto di Micoterapia.

Il Cordyceps è originario del Tibet, dove si è ben adattato a vivere tra i 4000-5000 metri di altitudine, in un ambiente povero di ossigeno. Anzi, è proprio questa sua particolarità a renderlo interessante e utile per l’uomo quando si trova in condizioni d’ipossia. Capita in alta montagna, nello sforzo fisico durante un’attività sportiva o in caso di malattia (pensiamo alle anemie, all’enfisema, all’asma o anche alle malattie cardiache).
Il Cordyceps spunta dalla terra a maggio inoltrato, due settimane la conclusione dell’inverno, dopo che anche le ultime nevi si sono finalmente sciolte. Assorbe dall’ambiente una quantità circa doppia di ossigeno rispetto a tutte le altre forme di vita. Essendo un fungo commestibile non c’è tibetano che non ne faccia uso abituale. (…) Gli studi dimostrano che il Cordyceps migliora e risolve bronchite e asma. Anche persone affette da enfisema, patologia degenerativa che distrugge la superficie di scambio tra il polmone e il sangue, hanno riscontrato miglioramenti. (…) Eliminando i radicali liberi, protegge le cellule dall’invecchiamento, processo che si accentua in presenza di elementi atmosferici come sole, vento, pioggia, freddo e neve. Il Cordyceps è anche fonte di minerali, di vitamine e di nutrimento, se si considera che l’assunzione di 2 grammi al giorno equivale a circa 20 grammi di fungo fresco.

[fonte: www.dottorardigo.it]

E dove si trova il Cordyceps? Mica possiamo andare in Tibet, giusto? Bene. Il Cordyceps è uno degli ingredienti delle Caps Immu di Ringana, un efficace mix di funghi vitali asiatici tipici della MTC, ricchi di vitamine e minerali e importanti sostanze vegetali secondarie, che aiutano il nostro corpo a far fronte allo stress.

Un vero e proprio percorso di recupero del sistema immunitario da fare in ogni momento dell’anno, anche in autunno prima della stagione dei raffreddori e dell’influenza, ma perfetto anche in caso di allergie. L’importante è che ogni percorso con integratori e sostanze attive, in questo caso in vista della primavera, venga iniziato alla fine dell’inverno e prosegua per tutto il periodo primaverile, con costanza e per almeno 3 mesi.

Tutto qui? Ovviamente questo è solo l’inizio, ma un ottimo inizio. Si parte dalle Caps e si prosegue con la dieta, il movimento, una vita sana e ritmi meno frenetici. Ed è già tanta roba. Forse non guarirete definitivamente dall’allergia, ma di sicuro starete molto molto meglio. Provare per credere!

Anche tu decine di fazzoletti pronti per la fioritura (e non si tratta di commozione)? Chiamami o passa in negozio in via Sottoriva 52/A a Verona, ad un passo dal centro, troveremo insieme il mix perfetto per stare bene da qui all’estate, con Ringana e non solo!

P.S.: Hey, non dimenticare, prima di tutto, di consultarti con il tuo medico o il tuo omeopata. Le allergie e le persone non sono tutte uguali e necessitano di approcci diversi. Il tuo medico o il tuo omeopata sono le persone che più di tutte sapranno darti le giuste indicazioni.

Cristina Furlani

Lascia un commento