Archivi Tag: mamme che lavorano

La scuola delle mamme

Essere mamme, fare il genitore si sa che è il lavoro più difficile. Si aggiunge anche l’essere moglie e fattore più importante ESSERE DONNA. La crescita e l’evoluzione della sfera femminile cambia in ogni fase e si deve essere pronte per ogni cambiamento. Nessuno insegna a diventare mamma, lo si diventa, si sbaglia, si cade e si migliora.

Come essere mamme, mogli, lavoratrici, Donne

TEMPO PER TE Potrebbe essere utopia ma vuol dire caricare le batterie, non arrivare ad essere una pentola a pressione che sta per scoppiare. Una camminata di 30 minuti senza nessun dispositivo elettronico con sè, una meditazione al mattino e alla sera di 10 minuti per ritrovare il proprio centro, l’equilibrio e portare ossigenazione al cervello. E una lettura di un libro ricco di emozioni, di descrizioni paesaggistiche che ti fanno sognare.

POCHE REGOLE SEMPLICI In famiglia quanti siete? Solo tu mamma o tu, marito, figli, animali? Collaborazione di tutte le persone che vivono sotto lo stesso tetto. Portare fuori l’immondizia, preparare pranzi e cene, fare il letto al mattino, portare a spasso il cane, spolverare, stendere, piegare la biancheria. Prendi carta e penna e scrivi sopra ogni compito per ogni membro della famiglia. Appendi il foglio a caratteri cubitali in cucina in bella vista così ognuno sarà responsabile dell’attività da svolgere in casa.

TEMPO PER LA COPPIA Perchè le coppie scoppiano? Ti dice niente stress, lavoro, lavoro, stress, stress, lavoro e avanti così? Pari opportunità sì, ma essere padroni della propria vita. Fare un lavoro che ci piace, che ci rende felici, libere, entusiaste perchè il nostro star bene fa star bene la coppia. Costruisci il lavoro su misura per te, indossalo come fosse un vestito e vedrai che il legame con tuo marito sarà più forte che mai! E goditi qualche week-end o cena voi due soli. Tornerete a casa più rilassati e i vostri figli assaporeranno la bellissima atmosfera.

Essere una MADRE a tempo pieno è uno dei più bei lavori stipendiati…dato che il pagamento è puro amore. – Mildred B. Vermont –

mamma-lavoro-figli

Con il network marketing non devi scegliere tra famiglia e lavoro

Sono una mamma che lavora. E tanto. Quindi so come ti senti quando esci di casa la mattina per andare a lavorare e devi lasciare tuo figlio con la nonna/zia/babysitter. So cosa significa cercare di far andare d’accordo lavoro e allattamento, lavoro e orari della scuola/asilo, lavoro e vita da mamma.

La giornata tipo di una mamma che lavora

Ho tante amiche nella tua stessa situazione. Vediamo se traccio un quadro realistico.

mamma-lavoratriceOre 6: Sveglia! Sempre che tu abbia dormito… Colazione da preparare, per te, per i bambini, se riesci per tuo marito, altrimenti sa come cavarsela. Sistemi qui e là i giochi che ieri sera non hai avuto la forza di mettere via, una passata di swiffer, la pappa al gatto, la pipì al cane.

Ore 7: Sveglia per tutti gli altri! Bambini che non vogliono uscire dal letto, bambini che escono già saltando e urlando, latte troppo caldo, latte troppo freddo, succo sul pavimento, frutta neanche a parlarne. Lavati i denti! Sbrigati! Vestiti! No, non mettere quello, No, quello è da stirare,…..

Ore 7.30: Tutti fuori, si spera! Il piccolo al nido, la grande a scuola, traffico, capricci, liti, la maestra ti deve dire che, insomma, il piccolo ultimamente… sì sì, ne riparliamo quando vengo a prenderlo… la bidella a scuola ti chiede l’avviso da firmare per lo sciopero di dopodomani… Porc! Hai chiesto permesso al lavoro? Sì sì, l’avviso firmato lo ha la bambina… e via di nuovo in auto, di nuovo nel traffico…

Ore 8 – 12.30: Lavoro! Che ti avevano detto che andare al lavoro ti avrebbe fatto riposare in confronto … certo… Riunioni, scadenze, colleghi, brief, appuntamenti,…

Ore 12.30 – 13: Pranzo al volo, un panino al bar, quando non te lo sei portato da casa e scaldato al microonde.

Ore 13 – 17/18/19/… – Lavoro, come sopra… per chi non ha la fortuna di un part-time.

Ore 17/18/19/… – Se l’orario è consono si va a prendere i pupi, altrimenti si ritirano dalla nonna/zia/babysitter. Che chiaramente hanno una serie di comunicazioni per te. E i bambini, angeli per tutto il giorno, si tramutano in demoni al tuo apparire sulla soglia. E ti pareva. “Ma dai! è stato bravissimo tutto il giorno!”. E poi cena, il controllo dei compiti, lettura nel lettone. E quando finalmente sono andati a dormire c’è la cucina da sistemare, qualche faccenda in casa, che forse l’ha fatta tuo marito, speriamo. Ah, tuo marito! Ricordi? È quello alto che vive con te. Dovete trovare del tempo anche per voi…

Ore 21 (se tutto va bene)Stramazzata nel letto, ronfi che è un piacere.

Il network marketing Ringana: come conciliare lavoro e famiglia

mamma-che-lavora-Ringana

Ora che Greta è grande e ho potuto aprire il mio piccolo sogno con il “Fiore della Vita” le cose sono un po’ diverse, ma fino a qualche mese fa, quando lavoravo unicamente con Ringana, i ritmi erano ben altri, potevo seguire le mie passioni e stare con Greta al suo ritorno da scuola. Il segreto è l’organizzazione.

La differenza sta proprio lì. Scegliendo di lavorare con il network marketing di Ringana puoi decidere tu come organizzare il tuo tempo e quanto tempo dedicare. Può essere il tuo secondo lavoro, se hai un part time e vuoi integrare con qualche entrata in più, puoi ritornare nel mondo del lavoro dopo la maternità, senza mettere in difficoltà le dinamiche familiari.

Dopo aver fatto la scelta di dedicarmi solo a Ringana ho sempre dedicato almeno un’ora al giorno a me stessa facendo meditazione, camminando, ascoltando musica o leggendo.
La mattina e parte del pomeriggio era dedicata alla mia attività lavorativa. Appuntamenti, formazione, contatti con clienti e partners, il mio sito web erano la priorità. Che poi a volte riuscivo anche a ricavarmi del tempo per una passeggiata in centro con un’amica.

Al rientro di Greta da scuola il mio pomeriggio è sempre stato a sua disposizione, solo con lei o anche con le sue amiche e le altre mamme o le mie amiche. Cena con calma, letture o tv insieme a Greta e a mio marito al suo rientro dal lavoro e poi ancora un po’ di lavoro, prima di dedicare un po’ di tempo di nuovo a me e a mio marito.

Tutta un’altra cosa non trovi? Ma lo dico sempre, questo non significa che il network marketing sia un lavoretto da fare nel tempo libero, un’ora al giorno e via. Per guadagnare davvero e farne un lavoro vero e redditizio, bisogna darci dentro.

La differenza sta solo nella libertà.

Vuoi saperne di più, conoscere Ringana e il suo sistema?

Chiamami, scrivimi o passa a trovarmi in negozio. Non te la senti ancora? Iscriviti alla mia newsletter, inizia a conoscermi da lì, guarda, è qui a destra, basta inserire un paio di informazioni e riceverai in regalo due e-book sul network marketing e sulla cosmesi. Aspetto tue notizie!

1